La missione è bella!

Sr Adanech, a pochi mesi dalla sua professione religiosa, ci racconta la bellezza della missione… e anche le sue spine… 

Il 24-25 maggio 2018 essendo il mese di Maria abbiamo continuato la missione di Maria visitando le famiglie nel villaggio pregando e benedicendo le loro case.  Il villaggio si chiama (Rifenti) in Shambu Wolega e lì c’è la chiesa della Beata Irene, a 15 kilometri  dalla nostra comunitá. Mentre visitavamo le famiglie, abbiamo trovato una donna che faceva le pentole di argilla: che bello!!  Le vende per sostenere la famiglia. Quando entriamo nelle culture degli altri ci sono tante belle cose da apprezzare.

Come dice il nostro fondatore Giuseppe Allamano “la nostra vita è bella come le rose ma c’ è  anche qualche spina” la missione è bella non perchè non ci sono le difficoltà ma … è sucesso il giorno dell’ascensione del Signore, quando sono andata a celebrare con una comunità (out station) lontana dalla nostra comunità che si chiama Jimma Gudetu. Abbiamo lasciato la macchina sulla strada e abbiamo camminato con l’autista: eravamo noi due. Quando siamo arrivate la chiesa era chiusa e non c’era nessuno… per fortuna avevamo la chiave e siamo entrati in chiesa sperando che arrivassero…

Abbiamo cominciato a preparare le preghiere, l’altare, la parola di Dio, l’omelia ecc.. tutto per la celebrazione dell’Ascensione. Dopo aver spettato quasi due ore abbiamo deciso di fare la celebrazione noi due rappresentando la chiesa e quella comunitá tutta pregando per loro. Quella situazione mi ha fatto riflettere tanto e poi mi veniva nella mente quello che  è sucesso al nostro Fondatore quando tutti i seminaristi sono andati via e lui ha lasciato le chiavi alla Consolata…

Anche oggi la nostra comunità di Shambu lascia la chiave di quella comunità nelle mani della Consolata.

Insomma, possiamo dire che la missione è bella con le sue sfide  e le sue gioie.  La missione è bella se anche non sappiamo la lingua, ma se entriamo con cuore semplice nella vita della gente con un sorriso grande per tutti cosi.  Essere una di loro nella missione dove viviamo.

Sr. Adanech Mitiku, mc

Shambu – Etiopia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *